Notizie dal Centro Studi Costantino Nigra


INVITO ALLA COLLABORAZIONE


L'inaugurazione del Centro Studi, avvenuta sabato 14 aprile nella Sala Consiliare del Comune di Castellamonte, è stata accolta con grande interesse non soltanto dalle Istituzioni Pubbliche (la Regione Piemonte era rappresentata dal Consigliere Roberto Tentoni mentre la Provincia di Torino dall'Assessore alla Cultura Ugo Perone), ma sopratutto dalla cittadinanza che vede in questa iniziativa un ulteriore modo per far conoscere un grande canavesano ed il territorio in cui nacque.


Molte sono state le testimonianze da parte di privati che si sono dichiarati disponibili a cedere al Centro Studi cimeli e documentazione in proprio possesso; molto materiale appartenuto alla famiglia Marten Perolin, erede dei beni Nigra alla morte del figlio di Nigra Lionello, andò disperso dopo la guerra a causa del graduale abbandono della casa di Villa Castelnuovo ove la cospicua mole di testimonianze, sopratutto cartacee, era conservata.

Ora parte di questo materiale storico sta ritornando alla luce, grazie a molti privati che lo hanno acquisito e conservato, e pian piano riconfluisce insieme grazie ai lasciti al Centro stesso. E' questa una conferma della fiducia che la popolazione sta riponendo in una iniziativa che vede una gestione ordinaria affidata alla Biblioteca Civica, quella patrimoniale che vede il Comune di Castellamonte garante dei beni acquisiti e quella culturale affidata all'Associazione Culturale Costantino Nigra,  nata nel 2006, e da diversi anni protagonista nell'organizzare eventi di rilevanza storica sul nostro territorio del Canavese.


Su queste basi è naturale come l'entusiasmo iniziale si stia ulteriormente rafforzando facendo pensare che ai primi lasciti ne seguiranno altri a conferma che l'idea iniziale del Centro Studi, di poter raccogliere cospicuo materiale da mettere a disposizione di tutta la comunità interessata alle vicende del nostro Risorgimento, possa effettivamente concretizzarsi al di sopra delle più rosee aspettative.


L'invito a tutti è quindi quello di farsi avanti per farci conoscere l'esistenza di materiale di possibile interesse sotto forma di cimeli, di scritti, di lettere, di articoli di giornale, di riviste e quant'altro. Grazie per quanto ciascuno potrà fare a questo riguardo.


Il Consiglio Direttivo

 

COMUNICAZIONE