STELE RICORDO DI COSTANTINO NIGRA


Il 12 settembre 2020 è stata inaugurata a Castellamonte una Stele Ricordo di Costantino Nigra,

realizzata dal maestro ceramista Roberto Perino, alla presenza di autorità e sponsor  

il PROGETTO completo è disponibile cliccando sulla voce progetto.

PROGRAMMA DELL'INAUGURAZIONE

Mattino

 Posa di una corona di fiori sulla Tomba di Costantino Nigra al Cimitero di Villa Castelnuovo

 

da sinistra: Segretario Verretto, consigliere Marcon, ambasciatore Spinetti, presidente Favero, prof. Greppi, consigliere Giacoletto Papas

 

  - Ritrovo al Ristorante Tre Re e proiezione del filmato sulla vita del grande canavesano.

 

Pomeriggio (foto nella Galleria Immagini)

 Cerimonia di inaugurazione della Stele con presentazione a cura di Marinella Ferrino:

- Saluto del Commissario Prefettizio dott.sa Elena Coviello

- Introduzione del Presidente Associazione  Costantino Nigra ing Roberto Favero (cliccare su introduzione per aprire il testo)

- Intervento di Mauro Caliendo Presidente del Museo Nazionale del Risorgimento di Torino

- Saluto del già senatore Gianfranco Morgando

- Saluto della Presidente di Confindustria Canavese Patrizia Paglia

- Saluto del Conte Costantino Nigra, attuale erede del titolo comitale

 - Intervento dell'Ambasciatore Massimo Spinetti, Associazione Nazionale Diplomatici a.r.

- Intervento del già Presidente della Fondazione Camillo Cavour, dottor Nerio Nesi

 

Prolusione del Prof. Edoardo Greppi ordinario di Diritto Internazionale del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino, sul tema:

  “Nigra, un diplomatico italiano in Europa”. (cliccare su Prolusione per leggere il testo)


 A questo punto il maestro ceramista Roberto Perino illustra la sua opera dal punto di vista artistico e realizzativo.

Trasferimento nell'area in cui é posta la Stele che presenta le seguenti caratteristiche:

 - Realizzazione in ceramica smaltata

- Monolite di dimensioni 60x60x400 cm. in gres ceramico cotto a 1220° che raffigura su due lati Costantino Nigra

nella sua duplice veste di (al culmine di una imponente base proiettata verso l’alto con due volti stilizzati)

diplomatico e politico e di filologo, poeta e studioso del mondo popolare italiano ed europeo.

 - L’ opera in ceramica è ispirata ad un modernismo artistico che guarda al futuro e quindi è slegata da

rappresentazioni scultoree di antica tradizione ed esecuzione. 

 

DA SINISTRA IL COSTRUTTORE GIOVANNI TOCCI, LA MADRINA PATRIZIA PAGLIA ED IL COMMISSARIO ELENA COVIELLO

  

LA STELE DOPO LA SCOPERTURA- DA SINISTRA

L'ARTISTA ROBERTO PERINO, IL PRESIDENTE ACCN ROBERTO FAVERO, LA MADRINA PATRIZIA PAGLIA

ED I VICE PREFETTI DI TORINO COVIELLO E BALLAN

 

da sinistra

Luigi Verretto, Roberto Favero, don Angelo Bianchi, Patrizia Paglia, i Commissari Coviello e Ballan

Castellamonte Inaugurazione Stele Costantino Nigra 17